Il corso di teatroterapia ha come obiettivo quello di entrare nelle proprie emozioni, conoscerle per poter gestire le manifestazioni di esse che non desideriamo o per poterle usare per quello che desideriamo. Per esempio prendiamo come emozione la paura, quante volte per paura scappiamo di fronte a situazioni che invece dovremmo affrontare? Quante volte per paura stiamo zitti quando invece vorremmo far sentire la nostra voce e la nostra opinione? O ancora la paura che non ci permette di affrontare un esame, di chiudere una relazione che non ci fa felici, dover parlare in pubblico e non riuscire a contenere le manifestazioni anche fisiche che questo comporta?

Dietro tutte questi limiti c’è un’emozione. Anche la rabbia ha lo stesso potere della paura perchè sono cugine molto strette. Con il teatro possiamo andare a fondo di queste emozioni, conoscerle e nello stesso tempo divertirci con esse. Il corso di teatroterapia è una via di mezzo tra un corso di recitazione ed un supporto professionale emotivo. Alla fine del corso per chi vorrà ci sarà un saggio finale: uno spettacolo che metteremo in scena al termine. Questo tuttavia non è un obbligo è qualcosa che si decide insieme durante lo svolgimento del corso stesso. Con il teatro molte persone hanno migliorato i propri problemi di balbuzie o la propria timidezza.

Il corso di teatroterapia, si svolgerà con lezioni teoriche e lezioni pratiche, le materie sono:

 

Corso di Teatroterapia

 

 

  1. Uso della voce: timbro, colore, dizione. La voce è un importantissimo mezzo comunicativo, si possono pronunciare parole che non significano nulla ma il tono e l’intenzione con cui le si pronuncia saranno fondamentali per trasmettere l’emozione che c’è dietro quella frase. Mi vengono in mente alcuni film western dove nessuno riesce a domare un cavallo selvaggio, poi arriva l’indiano, con delicatezza gli prende il muso e gli sussurra all’orecchio parole dolcissime nella sua lingua incomprensibili, eppure il cavallo si calma e diventa docile ed in un certo senso anche noi spettatori del film ci calmiamo nell’ascoltare l’indiano. Vi è mai capitato di avere una reazione piuttosto che un’altra a seconda di come ci vengano dette le cose con il tono di voce? Questa materia serve proprio a fare della voce uno strumento consapevole da poter usare.
  2. Gestione dello spazio: come essere presenti ed utilizzare un determinato spazio che sia un’aula, un palco o la strada su cui camminiamo. Avete in mente quelle persone di cui si avverte la presenza quando entrano in una stana anche se ancora non le abbiamo viste? Ecco queste persone hanno un capacità (conscia o inconscia) di essere padroni dello spazio che stanno occupando e lo riempiono con la propria energia.
  3. Espressione corporea: il nostro corpo comunica anche se stiamo in silenzio e questa comunicazione è preponderante rispetto a quella verbale infatti si chiama “comunicazione non verbale”. Dobbiamo avere padronanza del nostro corpo per trasmettere quello che vogliamo con esso: con uno sguardo, un gesto della mano, un movimento comunichiamo sempre qualcosa. Il non verbale è spesso inconscio questa materia farà in modo che  noi riusciamo a comprendere cosa stiamo comunicando in quel momento e anche a rendere consci alcuni movimenti in modo da indirizzare la nostra comunicazione proprio dove vogliamo che vada.
  4. Improvvisazione: questa parte di improvvisazione ci aiuterà con l’allenamento a gestire l’imprevisto. E’ una materia molto importante in quanto ci farà capire moltissimo di noi stessi.
  5. Comprendere le emozioni: tutti i quattro punti precedenti sono veicolati dalle emozioni questa materia è importante per andare a trovare le emozioni dentro di noi passarci attraverso e utilizzarle quando ci viene chiesto di fare una scena con quella emozione. In questo modo potremo rendercene conto e lasciarle fluire in maniera equilibrata senza esserne assoggettati come nel caso della paura che vi descrivevo all’inizio.

Un attore quando recita non finge mai, l’emozione che porta sul palco è proprio la sua, per questo motivo ognuno recita una stessa parte in modo completamente diverso riuscendo a portare nella propria vita maggior consapevolezza dei propri limiti, del proprio corpo, delle proprie emozioni per riuscire a diventare completamente padroni di se stessi.

Se siete interessati ad approfondire l’argomento vi invito a visitare il mio sito www.barbaravigorito.com alla pagina contatti dove troverete un form per esplicitare le vostre domande oppure potete scivermi una mail all’indirizzo: info@barbaravigorito.com o ancora chiamando il N. 3667284767.